“Mi chiamo Francesco Meola sono il terzo di 5 figli,..”

Nel 1991 l’ultima domenica di Ottobre ci fu il primo annuncio delle Catechesi nella nostra Parrocchia. Il 13 dicembre partimmo per la Convivenza. Andammo a Palombaro, eravamo circa 50 persone.

Questa è la testimonianza di un giovane del cammino.

«Mi chiamo Francesco Meola sono il terzo di 5 figli, nato nel 1997, vivo a San Salvo. girando per il web ho trovato questo blog a mio parere molto interessante e soprattutto utile, poiché nasce come progetto di evangelizzazione e informazioni riguardanti le opportunità che le parrocchie mettono a disposizione e come tale è uno strumento che a me personalmente interessa molto perché come tante altre cose collabora nel cambiare quelle che sono o che possono essere le aspettative di vita di tante persone che oggi non hanno più alcun punto di riferimento.

Appunto per questo mi sento in dovere anch’io di collaborare con questo favoloso progetto indicando quelle che sono le opportunità che la Parrocchia di San Giuseppe dà per intraprendere un percorso di iniziazione cristiana.

É il Cammino Neocatecumenale un servizio che la Chiesa ha confermato oggi con Papa Francesco e accolto nel 1974, da Papa Paolo VI e approvato gli statuti da Papa Giovanni Paolo II.

In questo ambiente è possibile intraprendere un vero e proprio”Cammino” per conoscere le meraviglie che Dio ha predisposto per la mia e tua Vita, dandone la possibilità di approfondire grazie a delle catechesi e celebrazioni che la chiesa ha donato a questo “movimento”.

Ve ne parlo in prima persona nata da una famiglia che già frequentava questo cammino conosciuto grazie a delle catechesi che venivano proclamate in chiesa e che la nostra parrocchia mise a disposizione. Vorrei dare una breve testimonianza di come io ho intrapreso questo Cammino.

Come dicevo poc’anzi, sono praticamente nato in questo cammino, ma nel corso della mia vita sono stato lasciato liberissimo di scegliere se continuare questo percorso di fede o lasciare. Ebbene scelsi di continuare facendo parte tutt’oggi di questo cammino che grazie a Dio la nostra parrocchia ha accolto da 27 anni, all’interno del quale ci sono persone che da quel giorno continuano con perseveranza a proseguire quello che è un Cammino di conversione.

Penso che senza questo cammino di fede la mia vita sarebbe stata un macello perché non avrei conosciuto in profondità quanto Dio mi ama malgrado il mio essere, e soprattutto ha dato un senso concreto alla mia vita poiché diversamente mi sarebbe venuto da chiedermi che senso ha nascere, lavorare e morire? e invece Grazie appunto all’approfondimento della parola di Dio ché il Cammino Neocatecumenale dà, questo dubbio oggi è tolto.»

Speriamo di poter rivolgere di nuovo l’annuncio delle Catechesi entro la fine di ottobre e con nel cuore la speranza che ci sia chi risponda, come ha fatto Francesco e coloro che continuano questo cammino, a questo invio a rimettersi in gioco per conoscere la Parola di Dio e cominciare a viverla.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *