A San Martino sulla Marrucina la festa dei “Santi sposi”

Una festa molto particolare è quella che si festeggia il 23 gennaio a San Martino sulla Marrucina, festa dei “Santi sposi”, una festa riproponibile in ogni città per rimettere al centro “la famiglia” anche nelle festività religiose anche se con modalità e differenziazioni in base alle peculiarità del territorio. 

La ricorrenza dei “Santi Sposi” è un evento religioso molto particolare ed è unico nel panorama mondiale, con origini ancora misteriose. Si  tratta  di una delle prime feste dell’anno, che da sempre ha ricorrenza il 23 di gennaio e alla quale partecipa tutta la cittadinanza e molti curiosi provenienti da tutta la provincia. Come quasi tutte le feste della cittadina, anche questa è legata al culto del santo patrono, San Giuseppe, che viene festeggiato anche in altre due ricorrenze, il giorno del 19 di marzo (questa data è anche quella della festa patronale) e il Patrocinio di San Giuseppe (che si tiene 2 settimane dopo la Pasqua) . La celebrazione dei Santi Sposi è un modo per ricordare e festeggiare il matrimonio tra La Beata Vergine e San Giuseppe. Si tratta quasi di una vera a propria ricostruzione di un matrimonio reale, anche se di fatto è simbolico. Tutta la festa si svolge al mattino. Si inizia con la Santa Messa, durante la quale vengono esposte le statue della Beata Vergine e di San Giuseppe. Alla fine della festa, le due statue vengono portate in processione, uscendo dalla chiesa di San Cristinziano e percorrendo il perimetro intero del centro storico, quasi che i novelli sposi volessero benedire tutta la cittadina. E’ questa processione di due statue una delle particolarità della festa. I cittadini seguono il corteo, a capo del quale si mettono i membri della congrega di San Giuseppe, antichi custodi dei riti del santo e vestiti con la loro caratteristica mantellina azzurra e tunica bianca. Una volta che le statue tornano alla chiesa e vengono ricollocate davanti all’altare, come in un vero matrimonio vengono distribuiti confetti benedetti, quasi che la Beata Vergine Maria e San Giuseppe volessero rendere partecipi i fedeli della loro gioia per la loro unione. I confetti sono considerati beneauguranti  per chi li riceve e soprattutto per le giovani coppie che si sposeranno entro l’anno. (Dal sito del Comune di San Martino sulla Marrucina)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *